Cloud Gaming – un futuro roseo?

Di sicuro tutti avranno sentito parlare del cloud gaming che si appresta ad essere il nuovo modo di giocare a qualsiasi videogame.
La rivoluzione è il giocare in “streaming” a vari giochi pagando un abbonamento mensile un po’ come il colosso Netflix ma abbinato al mondo dei videogiochi.

Potrebbe essere questo nuovo modo di giocare, una rivoluzione ? o rimarrà circoscritto visto che se ne può usufruire solo se si dispone di una connessione a banda larga ?

Scopriamo qua sotto le caratteristiche dei vari servizi di Gaming in streaming.

Project XCloud

 

Project Xcloud è il servizio di Gaming in streaming di Microsoft che inizierà la beta all’inizio del 2019, e probabilmente sara il migliore data la quantità di farm sparse per il mondo che possiede Microsoft.
Il colosso di Redmond era già attivo da molto per questo settore e afferma che con Project Xcloud si potrà giocare su ogni dispositivo sia esso mobile o fisso e non richiederà lavoro aggiuntivo per gli sviluppatori.

Project Stream

Ovviamente anche Google vuole unirsi alla lotta con il suo project stream che al momento e in fase di sviluppo ma negli usa molte persone hanno già accesso alla beta di questo servizio che permette di giocare ad Assassin’s Creed Odissey senza doverlo comprare, ma alla fine della prova i salvataggi verranno cancellati.

Cloud Gaming Nintendo

Anche la grande N vuole partecipare anche se il suo servizio streaming non ha ancora un nome ben definito e permette di giocare solo a duo giochi in Cloud: Resident Evil 7 e Diablo 3. Tra l’altro il servizio è attualmente disponibile solo in Giappone.

 

Servizio Cloud Gaming Steam

Anche Steam è al lavoro su un servizio di Gaming in streaming con promesse di gran lunga simili a quelle di Microsoft.
infatti anche Steam promette un servizio con il quale si potrà giocare su qualsiasi dispositivo a giochi dalla libreria di Steam, sperando che non sia un fallimento come la Steam Machine.

Playstation Now

Sony è stata di sicuro una delle prime a proporre questo nuovo tipo di gioco anche se in modo diverso in passato, ma ora è al lavoro per rinnovare Playstation Now rendendolo un servizio di Cloud Gaming vero e proprio, ovviamente funzionanti su tutti i dispositivi a parte quelli Microsoft.


Cosa ne pensiamo?

Di sicuro il Cloud Gaming sembra il modo più lungimirante del giocare: avere accesso a librerie enormi di giochi con un pagamento mensile non troppo elevato è di sicuro futuristico ma non per l’italia che non dispone ancora di connessioni a banda larga in tutto il paese.
Cosa succederà quindi a tutti i progetti Cloud Gaming ?

Lo scopriremo presto visto che il futuro più prossimo del Gaming sembra proprio questo.

Instagram