Recensione: F1 2018 Racing Ahead

  • Grafica
  • Giocabiltà
  • Suoni

Lo scorso 28 Agosto è uscito per PC, Xbox One e PS4 F1 2018, oggi dopo quasi due mesi dal rilascio ufficiale siamo qua a parlarne.

La Formula 1 è la massima serie dell’automobilismo mondiale per chi non la conoscesse, dove lo sviluppo aerodinamico e motoristico sono un’élite.

Per cominciare fino ad oggi lo sviluppatore Codemasters ha rilasciato ben 7 patch per correggere gli errori soprattutto nel multiplayer, modalità molto importante visto che quest’anno è stata introdotta la modalità competitiva con una super licenza per identificare la bravura dei piloti virtuali. Migliorata anche la parte singleplayer sono state reintrodotte le interviste nella carriera e lo sviluppo della vettura è migliorato ulteriormente e da quest’anno la gestione dell’ERS è diventata manuale, un lavoro fin qui positivo.

Charles Leclerc a Montecarlo

Il gameplay rispetto a F1 2017 è migliorato, la guidabilità con il pad è cambiata e resa un po’ più facile e con tanto allenamento è possibile essere veloci quasi come i piloti che utilizzano il volante un bel passo avanti per quanto riguarda il mondo degli e-Sports, ma anche per quei campionati creati da parte della community.

La grafica quest’anno è migliorata molto, con la modalità foto si posso creare bellissime fotografie, è molto più realistica e gradevole alla vista e le vetture sono praticamente identiche alla realtà con livree ufficiali, volanti e anche quei piccoli dettagli ad esempio i guanti neri di Sebastian Vettel.

Il sound è migliorato tantissimo, il motore della Ferrari è identico a quello reale, mentre per le altre motorizzazioni, si avvicinano molto alla realtà rendendoli molto, molto simili. Sono presenti anche tutte le vetture storiche provenienti da F1 2017 e in più le nuove ad esempio: 2009 BRAWN BGP-001 e 2003 WILLIAMS FW25 disponibili con la versione Headline. Per conclundere posso dire che quest’anno Codemaster ha fatto un Gioco con la G maiuscola uno dei migliori degli ultimi 9 anni secondo il nostro punto di vista.

Marcus Ericsson in Cina

Voi lo avete provato? Quali sono per voi i punti di forza e punti di debolezza?

Instagram